Verona.st - Il portale della città di Verona - Italia

Arena di Verona

Arena di Verona

Arena di Verona

Cuore della città e simbolo di Verona in tutto il mondo, l’Arena è il terzo anfiteatro romano per dimensioni, ma sicuramente il più celebre insieme al Colosseo. Se oggi proprio dall’Arena si snoda il centro storico cittadino, nel I sec. d.C. i romani la costruirono fuori dalle originarie mura della città, per ospitare i combattimenti tra i gladiatori e le cacce alle belve feroci. Nel medioevo e fino al settecento fu invece teatro di giostre e tornei. Solo dal 1913 s’iniziò ad utilizzare questo suggestivo spazio in quel modo che poi contribuirà a renderla famosa ovunque: è allora, infatti, che diventò il più grande palcoscenico - e di conseguenza il maggior teatro lirico - all’aperto del mondo.

La struttura areniana, che già appare imponente ad oggi, in orgine lo era ancora di più. I pregiati marmi veronesi delle sue gradinate, infatti, sono stati spesso nei secoli usati come materiale di reimpiego. Gli agenti atmosferici e il terremoto del XII sec. hanno poi fatto il resto, consegnando ai nostri giorni soltanto due delle originarie tre cinte concentriche che costituivano l’anfiteatro: della più esterna non resta che una piccola parte, comunemente chiamata “Ala”, che – col suo fascino di millenario residuo marmoreo - è, nel tempo, diventata segno distintivo dell’Arena.

Piazza BraAttraverso le due arcate merlate risalenti al XIV sec., note come “Portoni della Bra”, si accede alla degna cornice di un quadro così suggestivo, Piazza Bra, che, nella sua vastità, circonda l’anfiteatro. Questo grande spazio (il nome “Bra” deriva appunto dal tedesco “breit” = Largo) cominciò ad essere delimitato come Piazza con la costruzione, nella prima metà del ‘500, del Palazzo degli Honorii e si andò, poi, definendo nelle attuali proporzioni nel corso dei secoli, quando furono eretti il Palazzo della Gran Guardia (XVII sec.) e Palazzo Barbieri (XIX sec.) e venne lastricato il Listòn (XVIII sec.). Proprio la lastricazione, in marmo rosa della Valpolicella, di questo largo marciapiede, fece sì che Piazza Bra divenisse il luogo di passeggio preferito dai veronesi. A definire l’aspetto odierno della Bra ha contribuito, infine, anche la sistemazione a giardino della parte centrale della Piazza.
L’intera zona venne compresa nelle mura cittadine dalla metà del XII sec. e da allora fu luogo di un grande mercato di legname, fieno e bestiame, fino all’introduzione – nel XVIII sec. – della “Fiera Cavalli”, che – spostata nel 1897 nel primo nucleo dell’Ente Fiera di Verona – continua a costituire tutt’oggi uno dei principali eventi fieristici di Verona.

.

©2006 Verona.st - Tutti i diritti riservati